Custodi Domine Vigilantes

PRESS COMUNICATI STAMPA

Open day e veleggiata d’apertura, un fine settimana all’insegna dello sport

La Compagnia della Vela inizia ufficialmente la stagione aprendosi alla città

Venezia, 26 giugno 2020 – Dopo la riapertura della sede in seguito alle vicende legate al coronavirus, il fine settimana sarà caratterizzato dall’attività sportiva, anima centrale della Compagnia della Vela. Domenica 28 giugno, assieme allo Yacht club Venezia e al Diporto Velico, si terrà la veleggiata d’apertura. Caratterizzati dall’hashtag #DISTANTIMAINCOMPAGNIA, i soci si daranno appuntamento ai nastri di partenza della stagione sportiva, che si terrà a San Nicolò. Il via alla veleggiata sarà dato alle ore 11 con allineamento posto a sud della diga di San Nicoletto, antistante la spiaggia del Lido. Dopo una veleggiata che condurrà le imbarcazioni nello specchio dell’Adriatico da cui è possibile osservare le spiagge del litorale veneziano, l’arrivo è previsto nei pressi dell’ingresso della bocca di porto di Malamocco. La prima parte del benvenuto alla nuova stagione sportiva si concluderà vicino all’isola di Fisolo, dove le imbarcazioni getteranno l’ancora in rada e potranno consumare il pranzo in laguna. Infatti, un’imbarcazione farà da spola tra una barca a vela e l’altra per far sì che i soci si rilassino con un pranzo “distribuito” #DISTANTIMAINCOMPAGNIA.

«Finalmente possiamo organizzare una manifestazione nel pieno rispetto della sicurezza, d’altronde la vela è uno sport che fornisce ampie garanzie. Questa è una veleggiata di “riapertura”, un segnale di ritorno alla vita alla vitalità e all’attività, dovremo aspettare ancora per le regate, ma intanto riprendiamo confidenza con il mare. Anziché la consueta cena, sperimenteremo un momento di aggregazione conviviale all’ancora in laguna, come si faceva una volta, dove potremo stare insieme ognuno nella propria barca», ha commentato il presidente della Compagnia della Vela PierVettor Grimani. «Venerdì c’è anche l’approvazione del bilancio, che avverrà durante l’assemblea annuale, momento in cui si saluterà l’entrata in carica del nuovo Consiglio, con i nuovi eletti, che ringrazio, assieme a chi ha cessato le sue funzioni in maniera egregia», ha concluso il presidente.

Il fine settimana riserverà però un’ulteriore sorpresa per gli amanti dell’andar per mare. Sabato 27 e domenica 28 dalle ore 10 alle ore 18 si terrà il consueto “Open day”. La Compagnia della Vela aprirà le porte del circolo e della scuola vela a grandi e piccini che abbiano il desiderio di avvicinarsi al mondo di questo sport, con un fine settimana di vela gratuito. A San Giorgio, sede nautica dell’associazione sportiva, sarà possibile conoscere i nostri istruttori federali e provare a salire su una barca a vela grazie ad alcune uscite programmate sia per grandi che per i più piccoli (dai sette anni in su). Chi volesse avvicinarsi ulteriormente potrà ricevere informazioni su come iscriversi ai corsi di scuola vela junior, alla scuola di mare (corsi di vela con vitto e alloggio) e ai corsi di vela per adulti. Inoltre, ai partecipanti sarà data la possibilità di vincere un corso di vela gratuito (Una settimana di scuola vela junior).

La Compagnia della vela

Lo Yacht club veneziano è nato il 21 maggio 1911 e solo dopo otto anni assunse il nome di Compagnia della Vela, a seguito di un messaggio di Gabriele D’Annunzio diretto al vicepresidente dell’epoca. Le iniziali fanno da sfondo al motto ideato dal poeta italiano “Custodi, Domine, Vigilantes”. Oggi il circolo conta su quasi 600 soci italiani e stranieri e ha due sedi, quella storica, ai Giardinetti reali di San Marco e quella nautica che vanta 1400 metri quadrati e una capienza di 350 ospiti. A questo si aggiunge la guest house (nove stanze con bagno), la darsena con 110 ormeggi fissi e posti in transito oltre al bar interno.

Per quello che riguarda l’aspetto sportivo, la scuola vela è costituita da 250 allievi con imbarcazioni e istruttori federali dedicati, il team optimist e il team laser constano di 25 agonisti e un allenatore dedicato, inoltre, la flotta sociale è composta da 5 imbarcazioni Sb20 da regata.

Nel 2019 la Compagnia della Vela è stata insignita dalla Fiv (Federazione Italiana Vela) del titolo di migliore scuola nautica italiana.

Indissolubile è il legame con il Moro di Venezia, varato l’11 marzo 1990, che si aggiudicò la Louis Vuitton Cup, diventando così il Challenger ufficiale dell’America’s Cup nel 1992. Il Moro veleggiava infatti sotto i colori della Compagnia della Vela. Con Paul Cayard il Moro sconfisse in finale della Louis Vuitton Cup team New Zealand, acquisendo il diritto a contendere l’America’s Cup all’imbarcazione statunitense “America”. Lo scafo veneziano fu la prima barca non anglosassone ad ambire al titolo.

Tra le più famose regate organizzate dal circolo ci sono: La Veleziana, la Cooking Cup, la Summer Race Vela Cup, la Lui&Lei, il Trofeo Marco Rizzotti – International Optimist Class Team Race. Per quello che riguarda le manifestazioni sportive nazionali e internazionali, la Compagnia della Vela è stata circolo organizzatore de: l’Italia Cup Laser (2018), l’America’s Cup World Series (2012), la Dinghy World Cup (2012), l’Audi Melges 20 Sailing Series (2011), il Campionato Italiano X-35 (2009), iShares Cup Extreme 40 Sailing Series (2009) e il Campionato Italiano Classi Olimpiche (2008).

 

2020-06-26 veleggiata e open day

LA COMPAGNIA DELLA VELA RIPARTE IN SICUREZZA

#DISTANTIMAINCOMPAGNIA

Scuola di Vela al via, una valida alternativa per le famiglie

Venezia, 26 maggio – L’avvio della Fase 2 non ha colto impreparata la Compagnia della Vela, che da lunedì ha riaperto la sede nautica chiusa dai tempi del “lockdown”. Già da due settimane erano infatti ripresi gli allenamenti da parte degli atleti, nel pieno rispetto delle normative Fiv.

Ora è quindi la volta del circolo nel suo complesso di attività, sempre ricordando distanze sociali, mascherine e attività continuative di sanificazione.

La novità principale riguarda la ripresa dell’attività di scuola vela. Dall’8 giugno sarà possibile prender parte ai corsi, gestiti da istruttori federali, che ogni settimana consentiranno ai più giovani di cimentarsi nelle bellezze dell’andar per mare in tutta sicurezza (per info segreteria@compvela.com o 041-5200884). Grazie alla flotta messa a disposizione della Compagnia della Vela, i ragazzi potranno accedere alla struttura e frequentare lezioni pratiche e teoriche dalle 9 alle 17 di ogni giorno. L’attività sarà intervallata dalla pausa pranzo che, grazie ai generosi spazi della sede consentirà di mantenere le distanze sociali.

«Le quote di iscrizione sono rimaste inalterate rispetto allo scorso anno nonostante l’aumento dei costi derivante dalla messa a norma degli spazi – ha spiegato il presidente Pier Vettor Grimani -. Lo facciamo perché crediamo fermamente che la cultura dell’andar per mare sia da condividere con le famiglie del nostro territorio e non solo. Così facendo riusciamo, in un momento storico particolarmente difficile per tutti, a fornire un’attività di livello elevato che consenta ai più giovani un’alternativa alle normali attività estive. Inoltre, la pratica della vela, specie nei più piccoli, consente il naturale rispetto delle distanze grazie all’utilizzo di imbarcazioni singole».

Le quote prevedono il costo di 250 euro per la prima settimana (200 ciascuno nel caso di due o più fratelli) e di 150 per quelle a seguire.

All’ingresso del circolo è previsto un banco con distributore di gel antibatterico e una postazione per la rilevazione della temperatura. Al fine di garantire la massima sicurezza ai frequentatori della realtà, la sede nautica è stata integralmente sanificata e lo sarà a seguire con frequenza settimanale.

In settimana riaprirà anche la foresteria, mentre da venerdì riprenderà tutti i fine settimana anche il servizio bar- ristorante, in maniera da tornare gradualmente alla normalità. Non sarà invece accessibile la sede di San Marco, a causa dei lavori che si stanno svolgendo al ponte della Zecca.

«Teniamo molto alla sicurezza dei nostri soci, atleti e ospiti, per questo abbiamo voluto fortemente adeguare gli spazi dell’intera sede agli standard anti diffusione del covid. L’importanza dell’adottare protocolli anti contagio consentirà una ripresa più attiva soprattutto dell’attività velica che a noi sta molto cara», ha concluso il presidente Grimani.

Addetto stampa

Tomaso Borzomì

+39 328 0276616